News

Con Luciano, come sempre

Vai Luciano! Vai grande Campione…
 
Al primo canto del gallo
 
La sua Africa, nel suo Mondo, senza confini di tempo e di spazio, che lo avevano fatto acclamare L’Eroico, quasi il marito de L’Eroica, che aveva incontrato e accompagnato ai suoi primi vent’anni (e so che sua moglie Sofia non ne è mai gelosa);
 
per questo il suo volto e le sue immagini, non facciate ma espressione sincera del medesimo contenuto in Spirito e Umanità, aveva accettato fossero nella definitiva versione che Lugigi Grechi De Gregori aveva concesso per celebrare i 100 anni dello sventolio del vessillo dell’Olimpismo e i 100 dalla nascita di Gino Bartali, per il quale a Gaiole, insieme, si era fatta una vetrina dedicata all’Uomo Gino Bartali, mentre la sua L’Eroica compiva i 18 anni e viveva il travaglio dell’adolescenza.
 
Non lo capiranno magari, ma va fatto, ci dicevamo.
 
Avremmo desiderato vederlo nel pacco gara degli Eroici quel CD, con “la musica da pedalare”, 
 
scritta e cantata dall’autore de “Il bandito e il campione” ma approfondendo e pubblicando l’intera trilogia, 
 
accompagnata da canzoni e testi che abbracciano l’Umanità tutta, a partire dalla Bicicletta, 
 
fino a quella “Al primo canto del gallo” che ci aveva affascinato e il cui testo gli avevamo regalato stampato su una foto che lui e la sua famiglia avevano selezionato dopo gli incontri e gli approfondimenti fatti tutti insieme, 
 
mantenendo le proprie filosofie e scoprendo quanto esse fossero parte di un progetto unico più grande di noi ma in cui noi potevamo, dovevamo, cercare di fare al meglio la nostra piccola ma unica parte, 
 
 
pedalando insieme nella Vita e oltre la vita, lungo le strade del Mondo che avevano fatto incontrare tanti Eroici altrimenti dispersi.
 
 
Ora, sperando di poter inserire nel pacco gara un buono per prenotarlo con il nome e il numero di registro identico al pettorale della Eroica XXI o XXII, 
 
continuando il percorso in cui lo scorso anno lavorammo insieme per il 200° della Bicicletta con la mostra 2, 20, 200 … aggiungiamo un 2000 e, 
 
certi di fare qualcosa di bene con lui e grazie a lui, raccoglieremo gli ordini per stampare 2000 di quei CD e devolvere l’intera differenza fra offerte e costi/tasse, attraverso la Famiglia di Luciano, a padre Albano Passarotto, missionario in Madagascar, al quale lui non mancava mai di spedire quanto poteva perché il suo Vivere ed Essere aiutasse altri a Fare ed Essere lo stesso nei modi e con i doni diversi e unici che ciascuno ha.
 
 
Scusate ma mi piace pensare che Luciano abbia chiesto lassù di partire per la Cima di questa salita particolare proprio quando si ricorda e festeggia san Rocco, santo frainteso e poi amato e riconosciuto, a cui si intitola la chiesina più prossima al “suo Museo della Bicicletta”, e che più volte aveva con le sue mani restaurato.
 
 

Questo CD era pronto, per il 2014 ma già da prima, per ricordare il senso e l’amore alla base delle vite di Bartali e di De Coubertin, che nell’anno in cui nasceva Gino Bartali (lo stesso giorno, nel luglio del 1918, nascerà Nelson Mandela) desiderava far sventolare i 5 anelli e i sei colori del vessillo dell’Olimpismo, disegnato anche esso a luglio, ma nel 1913, e fatto realizzare da lui ai magazzini “Buon Mercato”.