Chi siamo

Un gruppo di persone sincere, appassionate e assetate di conoscenza e
condivisione, innamorate della Bicicletta e di tutto il suo Mondo, in tutto il Mondo.
Nullatenenti, operai, imprenditori, artigiani, professionisti, aziende
di tutti i settori, vincitori e falliti, gregari e campioni, forti
della Passione e della caparbia volontà, della provata fiducia reciproca e della condivisione.


Martoz è un illustratore e fumettista. Vive a Roma dove ha un
laboratorio assieme ad altri disegnatori, il Lab.Aquattro. Ha esposto
i suoi lavori in gallerie internazionali, come la Hero Complex Gallery
di Los Angeles e la Galerie Glénat di Parigi. Attivo nelle
autoproduzioni editoriali, ha da poco pubblicato il suo primo graphic
novel: “Remi Tot in STUNT” (MalEdizioni editore). A Gennaio  2016 sarà in Russia, per una mostra nella Bratec Lis Gallery di Mosca, dove terrà anche un workshop di illustrazione. E’ nella selezione della biennale ILLUSTRI di Vicenza 2015.


Francesca é la Gaiolese DOCG del gruppo, con uno sguardo che ti analizza fino in fondo mentre ti ascolta a cuore aperto.E’ importante per noi l’essere Gaiolese, perché é in Gaiole in Chianti che, da Agnolin, Brocci e compagni nasce 20 anni fa L’Eroica, testimonianza dello Spirito invincibile dell’Umanità Vera, in Bicicletta e non solo, in tutto il Mondo. Francesca non manda a dire a nessuno le cose ma usa la stessa sagacia e pungente dialettica anche verso se stessa, certa che solo così si migliora: Insieme nella Sincerità! Se essere Campioni significa saper essere Gregari, beh allora lei é un Campione, non molla mai ma ti trasmette la sua certezza che anche tu non la prenderai mai in giro né la abbandonerai nelle salite della Vita.

(Scritto da un “altro” su Francesca, perché in questo inizio Lei é impegnata proprio in una importante Salita della Vita anche della sua Famiglia).


Mauro: esile, longilineo, taciturno … No allora non é Mauro. Già, Mauro fa parte delle Persone che fanno del proprio meglio per avere ciò di che spendere ed andare fieri da Uomini, prima che da Imprenditori. Lui e Famiglia a fianco dello Sport e delle sue necessità, consapevoli dei difetti e dei limiti ma proprio per questo determinati a far emergere il Bene perché la gramigna non abbia mai il sopravvento. Sorriso, altruismo, gusto della Vita, una capacità imprenditoriale mai bieca, forte invece della schiettezza che non teme sconfitta perché sa di essere sostanza umile e solida, oltre la facciata.

(Scritto da un “altro” su Mauro, perché Lui é da mesi in piena preparazione per il Bicentenario e sempre disponibile e al servizio di chi ama la Vita e lo Sport, mettendoci del suo).


Antonio é un organizzatore di iniziative dal 1973, ottimizzatore e
valorizzatore, studia, idea, progetta e realizza eventi tematici in
tutto il Mondo e ha fondato diverse aziende. Nato a Ferrara ha
sviluppato fin dalla nascita la conoscenza e la passione per la
bicicletta in una provincia in cui la bicicletta é quotidianità per
tutti e non simbolo. Ha sempre sviluppato collaborazioni paritetiche
con la forza della convinzione umile ma caparbia. Non é esente da difetti, che però non nega ma cerca di migliorare grazie alla condivisione con gli altri. Se ha bisogno chiede, se può donare dona, lui si dice servo di tutti ma schiavo di nessuno e questo lo penalizza nei rapporti non sinceri, dove la sincerità e il cuore invece mettono a frutto la testa. Riesce a fare la sua parte per realizzare anche i sogni apparentemente utopistici. Sarà? Proviamoci Insieme.


Ausilia: “Mi accoglie un intero villaggio berbero in festa. Il sorriso dei bambini che battendo le loro mani contro le mie, sfiorando il mio palmo con le dita, sembrano quasi volermi dire “lieto di averti incontrato”. Dopo una sosta di un paio d’ore riparto verso il Posto di Controllo 5. Mi attendono 60 km di salita ininterrotta. Scende la notte. Il freddo è pungente, blocca il respiro e sembra entrare dentro il corpo. Arrivo stravolta dalla stanchezza verso le due di notte. C’è un letto “vero” dove riesco a dormire un paio d’ore. Suona la sveglia. Mancano a questo punto 208 km da percorrere entro 15 ore. Per raggiungere il Posto di Controllo 6 devo superare 20 guadi con l’acqua fredda alla coscia. Sono davvero al limite delle mie possibilità ed è solo il desiderio fortissimo di arrivare che mi “tira fuori” le ultime forze.

(Estratto da una delle mille imprese di Ausilia, scelto da un “altro” su Ausilia, perché in questo inizio Lei é impegnata in una altra delle sue Imprese normalmente impossibili, oltre che a stare a fianco a chi soffre e fatica nelle salite della Vita).

 


 

 Jacek crede nella frase di Gandhi:”Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”. La bicicletta, con i suoi infiniti modi di essere interpretata, diventa palestra di vita e strumento di conoscenza del mondo, delle persone e di tutto ciò che ci circonda. Torniamo a ragionare con la semplicità di un bambino di tre anni, torniamo a meravigliarci per l’ovvio e rispolveriamo l’essenziale quotidiano che abbiamo messo da parte per fare posto ad un effimero superfluo: in questo modo ci sarà spazio per valorizzare gli aspetti umani che devono essere nuovamente riportati al primo posto. Sorridete, grazie!
(scritto da Jacek, imbarazzato perchè non è abituato a descriversi)