Perchè

Non ci pareva possibile che si impedisse di conoscere la storia di

questa e di altre invenzioni, certamente “ecologiche” e popolari, che

uniscono esperienza e intelligenza, fatica e scienza, per un mondo

migliore, dalla ruota dei Sumeri, alla leva di Archimede, dal manubrio

ai pedali, da un capo all’altro del Mondo, senza nessuna discriminazione.


Perché non vadano perduti patrimoni di conoscenze ed esperienze che

ogni singolo uomo ha in esclusiva e che si moltiplicano nella

condivisione consapevole del passato, del presente e del futuro.